“La mafia a vocazione federalista”. Raffaele Cantone, da “Il Mattino” di Napoli edizione nazionale, del 4 agosto 2010.

http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=search&currentArticle=T7B3I

<<(…) si può utilizzare l’esperienza, purtroppo indiscutibile, di come le mafie, attraverso i loro canali imprenditoriali, abbiano drenato enormi risorse gestite dagli enti locali. Basterebbe riferirsi a quanto emerso dalle indagini, sopratutto siciliane e calabresi, sulla gestione di quella che è la maggiore spesa già federalista, e cioè quella sanitaria. La presenza clamorosa delle ‘ndrine nelle Asl e della mafia siciliana nella gestione di importanti centri clinici privati, sono un dato di fatto inoppugnabile. Ma gli esempi su come il danaro che passa attraverso gli enti locali sia spesso divorato dalle mafie potrebbe continuare ad altri settori, anche perchè l’infiltrazione negli enti locali e nei loro centri di spesa non accenna affatto a diminuire, approfittando anche di un’opinione pubblica nazionale spesso distratta su ciò che avviene in organismi ritenuti lontani e persino poco importanti (…) se federalismo dovrà essere, si tenga almeno conto non solo degli aspetti economici, ma anche del fattore C (inteso come criminalità organizzata) e si individuino meccanismi di controllo preventivo sugli atti e sugli organi che evitino che una riforma epocale dell’ordinamento possa trasformarsi, anche solo in piccola parte, in un regalo a mafie e consorterie di ogni genere quantomeno in una parte del nostro Paese>>.   

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...