Lunedì 14 marzo 2011, Sala Teatro Biblioteca Comunale di Giugliano (Na). Mena Morlando rivive nelle voci dei ragazzi della Scuola “Giuseppe Impastato” di Giugliano (Na). “Contro le mafie”, Raffaele Cantone, Francesco Morlando con loro. Per ricordare e mai dimenticare!

Sono pronti.
Attenti, emozionati, trepidanti.
Gli studenti della Scuola Secondaria di I grado “Giuseppe Impastato” di Giugliano in Campania (Na), daranno voce a Mena Morlando, lunedì 14 marzo.

Dalle 9.30, presso la Sala Teatro della Biblioteca Comunale di Giugliano (via Verdi n. 6), una mattinata in ricordo di questa ragazza, vittima innocente, uccisa a soli 25 anni, per errore, dal “fuoco camorrista” in quello stesso paese che oggi la ricorda grazie al profondo affetto degli studenti, il 17 dicembre 1980. 

https://controlemafie.wordpress.com/2010/12/22/le-tue-ali-poco-prima-di-natale-per-mena-morlando-vittima-innocente-di-camorra-uccisa-a-giugliano-la-sera-del-17-dicembre-1980-scudo-umano-per-francesco-bidognetti/

Ad “aprire” la manifestazione, per fare gli onori di casa, la Dirigente Scolastica Antonietta D’Alterio, Donna di straordinaria intelligenza e sensibilità; seguirà:

“La Storia di Mena” (ricostruzione romanzata, delle ultime ore vissute da Mena, a cura dell’Associazione “Contro le mafie”) – rappresentata dai ragazzi, dietro la sapiente guida e regìa della prof. Claudina De Vita.
Musiche eseguite dal vivo dai giovani dei Laboratori di musica d’insieme dell’Associazione “Illimitarte”, diretti da Lello Cardone e Massimo Capocotta.

Ma le emozioni non finiscono qui.
Tangibili, anche per noi, nel guardare negli occhi questi ragazzi.

Due spettatori d’eccezione, che dialogheranno con loro, dopo la rappresentazione:
Raffaele Cantone, il Magistrato cui noi tutti attribuiamo, tra i tantissimi altri, il merito di averci presentato Mena, grazie al suo Libro “Solo per Giustizia”, edito da Mondadori nel 2008 e Francesco Morlando, fratello di Mena, che ha tanto lottato affinchè la sua memoria non fosse sporcata ed il suo ricordo cancellato.

Ringraziamo: la prof. Claudina De Vita, per la sua grandissima sensibilità e professionalità, da Educatrice eccellente ed affettuosa; la Dirigente Scolastica (Preside), della Scuola “Giuseppe Impastato”, Dott.ssa Antonietta D’Alterio, sempre attiva sul piano della Legalità; tutti gli studenti e tutto il personale docente e non, di questa Scuola gioiello e baluardo, nel contrasto all’illegalità attraverso l’opera di informazione e di cultura costante, affrontata ogni giorno tra mille difficoltà, con impegno, serietà e sopratutto anima.
Un ringraziamento al personale ed ai responsabili della Biblioteca comunale di Giugliano, per l’accoglienza e la disponibilità.

Per motivi di sicurezza (dati gli spazi limitati), ricordiamo che l’accesso alla sala sarà consentito agli studenti, al personale della Scuola e della Biblioteca, agli invitati, ai giornalisti ed i membri dell’associazione “Contro le mafie” (organizzatori, insieme alla Scuola, dell’evento).

GLI INTERVENTI DEL DOTT. CANTONE E DEL DOTT. MORLANDO:

PARTE 1 http://www.youtube.com/watch?v=3DY70xwEoZ0
PARTE 2 http://www.youtube.com/watch?v=Y5iLCANdl3o
PARTE 3 http://www.youtube.com/watch?v=01RqFhGd0Gs&feature=related

Annunci

2 pensieri su “Lunedì 14 marzo 2011, Sala Teatro Biblioteca Comunale di Giugliano (Na). Mena Morlando rivive nelle voci dei ragazzi della Scuola “Giuseppe Impastato” di Giugliano (Na). “Contro le mafie”, Raffaele Cantone, Francesco Morlando con loro. Per ricordare e mai dimenticare!

  1. IL MATTINO 14 marzo 2011
    Tonia Limatola Giugliano. Una donna da ricordare: manifestazione con il magistrato Raffaele Cantone promossa dalla scuola media Giuseppe Impastato. Domani alle 9.30 la biblioteca civica di via Verdi ospita un’iniziativa in memoria di Mena Morlando, rimasta uccisa per errore a Giugliano trent’anni fa. Alla donna vittima della camorra, gli studenti dedicano la rappresentazione teatrale «La storia di Mena Morlando», basata su un testo curato dall’associazione «Contro le mafie», regia della docente Claudina De Vita e musiche di Raffaele Cardone, presidente di Illimitarte, eseguite da studenti e giovani artisti delle ensemble Bidonvillarik e Houselesi. Previsti gli interventi della preside Antonietta D’Alterio, del magistrato Raffaele Cantone e del fratello di Mena, Francesco Morlando. In occasione del trentennale della morte, lo scorso dicembre il Comune le ha dedicato una strada nel popoloso quartiere Casacelle. La storia di Mena è stata ripresa anche dal magistrato Raffaele Cantone nel suo libro «Solo per Giustizia». La donna rimase uccisa in una sparatoria tra bande rivali mentre passeggiava davanti alla chiesa parrocchiale di Sant’Anna il 17 dicembre 1980. Mena non è stata l’unica vittima innocente a Giugliano. Due anni dopo venne ucciso per un tragico scambio di persona Antonio De Rosa al Parco Carola mentre si stava intrattenendo con altri condomini. A loro due sono state dedicate due nuove strade. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...