Raffaele Cantone, ospite di “Che tempo che fa”, sabato 31 marzo 2012

Raffaele Cantone, sabato 31 marzo, sarà ospite della trasmissione di punta, nel “prime time” della terza rete Rai.

Il magistrato e scrittore, raffinatissimo studioso e straordinario conoscitore del Diritto, da sempre impegnato nella lotta alle mafie, che “non potranno finire soltanto ad opera delle forze dell’ordine o della magistratura, bensì attraverso la partecipazione civile, con l’impegno quotidiano e coerente”, siederà sulla poltrona bianca nello studio di Milano, il prossimo sabato sera, per farci riflettere sul fenomeno mafioso, su temi quanto mai  ancora attuali, quali la corruzione, nell’occasione dell’uscita del suo ultimo lavoro editoriale: “Operazione Penelope”, Mondadori editore, 2012, Collana Frecce, in tutte le librerie a partire da venerdì 30 marzo.
Appuntamento imperdibile, dalle 20.10 circa, davanti alla tv od allo schermo del pc.

Su “Operazione Penelope” (recensione Ibs): Convitato di pietra, cancro, «fattore C»: la criminalità organizzata è stata definita in tanti modi diversi. Raffaele Cantone, per otto anni alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, la conosce come pochi. Un mondo complesso che affonda le sue radici nella realtà del Sud, ma non solo. E che da tempo, ormai, è uscita ben al di fuori dei confini della delinquenza tradizionale, diventando ora un occulto quanto determinante socio in affari, ora un candidato «impresentabile» alle elezioni, ora un alibi dietro cui nascondere l’inefficienza delle amministrazioni pubbliche nel gestire grandi emergenze, prima fra tutte quella dei rifiuti campani. Proprio partendo dalle tante riflessioni sui mille volti della camorra, emerse non solo nel corso del suo lavoro di magistrato ma anche intervenendo a incontri pubblici e sulla carta stampata, Cantone affila come un bisturi il suo sguardo per tracciare un lucido spaccato dei mali della società italiana, oggi più che mai dilaniata fra l’anticultura del malaffare e la volontà di voltare finalmente pagina, in nome del rispetto delle regole. E nutre una speranza: unire alla forza delle azioni il potere delle parole, per condividere una battaglia che è di tutti gli italiani, quella contro l’illegalità diffusa che può corrodere le basi democratiche ed economiche dell’intero paese.

Da uomo di legge e attento osservatore, ricostruisce così le complesse trame fra la nuova borghesia camorrista dei colletti bianchi e gli amministratori pubblici, i politici collusi e il sottobosco delle cricche, salendo su su fino ai centri del potere deviato e al fenomeno della corruzione, che rappresenta uno dei più gravi rischi per la nostra economia attuale. Una «zona grigia» efficientissima, cui magistrati, forze dell’ordine e cittadini onesti si oppongono fra innumerevoli difficoltà. Ma il loro lavoro, giorno dopo giorno, rischia di diventare una tela di Penelope senza fine. È non lasciandoli soli, e continuando a parlare e scrivere di connivenze e malaffare, che l’illegalità potrà essere definitivamente sconfitta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...