“Napoli, il Far West dei ragazzini killer” – Raffaele Cantone, su Il Mattino di Napoli, ed. naz. di domenica 7 luglio 2013

Il reportage di Giuseppe Crimaldi, contenuto nelle pagine di cronaca, riporta un episodio che dovrebbe far sobbalzare dalla sedia i cittadini non solo napoletani.
un commando di sei killer, partiti dai Quartieri spagnoli, si reca con tre moto potenti, i cui occupanti sono travisati da mephisto neri, a Ponticelli, a casa di un soggetto considerato un emergente del gruppo camorristico.
Il bersaglio forse si avvede dell’imminente agguato e scappa; i killer non vogliono tornare indietro a “mani vuote”; trasformano la spedizione di morte in atto intimidatorio di cui deve restare il segno; esplodono una vera pioggia di fuoco contro la finestra dell’abitazione in cui ci sono la moglie e la figlioletta di otto mesi del bersaglio sfuggito, e per miracolo non vengono colpiti. Poi si allontanano, come in una scena da film western, con le pistole in bella mostra, con le canne rivolte verso il cielo, a voler dimostrare il controllo totale del territorio. Due dei killer, però, vengono intercettati da una coraggiosa pattuglia di carabinieri in borghese.

Fonte: ilmattino.it

Fonte: ilmattino.it

I tre militari che la compongono conoscono Napoli a menadito e difficilmente restano sorpresi dalle scene che quotidianamente vedono; eppure ieri saranno rimasti di sasso a scoprire sotto i mephisto, il volto di due ragazzini; avevano 16 anni, da poco compiuti. Non avranno potuto fare a meno di pensare, come nel giro di controllo fatto da altri colleghi o da loro stessi poco prima, nei quartieri della movida o sul lungomare, i coetanei dei due ragazzi da loro arrestati stavano divertendosi, in meritata vacanza, probabilmente dopo la fine della scuola. Gli arrestati, invece, avevano scelto una serata diversa; un’attività altamente pericolosa, come recarsi in un quartiere tutt’altro che tranquillo per ammazzare un soggetto certamente in grado di difendersi con mezzi analoghi. Lo avranno fatto di certo, esaltati ed obnubilati dagli stupefacenti, quasi certamente della cocaina.
Non ci sarebbe da meravigliarsi, se nel prosieguo delle indagini gli inquirenti scopriranno che anche gli altri quattro componenti della spedizione di morte, fossero di età più o meno analoga. Non è difficile pronosticare chi sono i due ragazzi; probabile abbandono scolastico precoce; precedenti penali per reati contro il patrimonio; famiglie disastrate ed inserite nell’ambiente criminale; un destino, insomma, quasi segnato.
Ma questo tentativo di spiegazione non può far venir meno l’enormità della vicenda; due ragazzini, già esperti (baby) killer, utilizzati chissà da chi per andare ad ammazzare; che partecipano ad una sparatoria, con armi potentissime, che per poco non provoca la morte di una neonata di 8 mesi, che ha la sola colpa di essere la figlia di un altro poco di buono!
Ma il punto vero è un altro; quanti davvero sobbalzeranno dalla famosa sedia, leggendo l’articolo di Crimaldi? Sono pessimista a pensare pochissimi?
L’episodio sarà archiviato come un’altra “breve di cronaca”, di cui domani ci si sarà dimenticati e che di essa fuori Napoli nessuno conoscerà nemmeno. eppure il coinvolgimento criminale di giovanissimi non è affatto un’eccezione, che non sminuirebbe né la gravità, né la drammaticità. Sta diventando, invece, una tragica regola, della quale ci siamo abituati in fretta e disinteressati con uguale velocità!
Come non pensare ai tantissimi ragazzi, persino più piccoli di quelli arrestati ieri, pienamente coinvolti nell’attività di spaccio non solo a Scampia, ma anche nelle altre piazze meno famose, ma non meno fiorenti come il Parco Verde di Caivano o le Salicelle di Afragola?
Su questo giornale già in altre occasioni, si è ricordato come i quadri (o persino i vertici) di molti clan cittadini siano ormai occupati da giovani poco più che ventenni, noti per soprannomi da ragazzini imbarazzanti per chi vuole atteggiarsi a camorrista. Ragazzi molto in fretta cresciuti anche dal punto di vista criminale che hanno approfittato dei vuoti di potere, creatisi per gli arresti dei vecchi boss e che grazie alla loro carica di violenza si sono imposti in piazze criminali dove i loro predecessori avevano un ben cospicuo pedigree delinquenziale.
E quanti ragazzi, poco più che maggiorenni sono già morti, vittime di faide criminali, o sepolti in carcere da condanne lunghissime, in qualche caso persino ergastoli?

Girarsi dall’altro lato rispetto a questa enormità, sta diventando un atteggiamento che – bisogna dire con chiarezza – è ormai di vera connivenza.
Se pensiamo che un’intera fascia sociale debba distruggere ed autodistruggersi, ha davvero senso parlare di lotta alle mafie, andare con striscioni alle manifestazioni e mettersi bei distintivi sulle giacche?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...